Pnrr, procedure complesse rallentano il Sud

I Comuni del Sud Italia si trovano in una situazione in cui sono pronti ad accogliere l’opportunità dei bandi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr), ma sono frenati dalle procedure di partecipazione considerate “troppo complesse”. Secondo unindagine condotta dall’Associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno (Svimez) dal titolo “I Comuni alla prova del Pnrr”, solo il 37% degli enti del Meridione giudica le procedure agevoli o molto agevoli, rispetto al 43% dei Comuni del Centro Nord.

Le maggiori sfide per il Sud sono la lentezza nella realizzazione di infrastrutture sociali, la carenza di personale e le mancanze nella capacità amministrativa rappresentano delle sfide che rischiano di prolungare i tempi di attuazione degli investimenti.

Terminata la fase di programmazione e allocazione delle risorse, ora agli enti locali spetta concentrarsi sull’affidamento dei lavori e sull’apertura dei cantieri entro il 2026, ma sono poco preparati. Non è sufficiente la possibilità aperta del governo di inserire nuovi dirigenti e stabilizzare i tecnici assunti a tempo determinato.

Occorre potenziare ulteriormente gli interventi attraverso il rafforzamento degli organici e delle competenze tecniche dei quadri intermedi.

Vediamo qualche dato. L’indagine condotta dallo Svimez evidenzia che solo il 30% dei Comuni del Centro-Nord e il 40% dei Comuni del Mezzogiorno ha una conoscenza generale dei bandi. Nel complesso, il 40% degli enti locali ha fatto ricorso a consulenze esterne per partecipare ai bandi. La collaborazione è l’unico fattore positivo: nel Meridione, il 43% dei Comuni ha sfruttato il network relazionale locale per stringere partnership utili all’adesione dei bandi con altri Comuni limitrofi.

La situazione critica è aggravata dal divario tra i tempi previsti e quelli effettivi per la realizzazione di infrastrutture sociali, un problema che affligge da anni il Sud.

La carenza di personale e le sfide nella gestione delle risorse umane rappresentano fattori che influiscono negativamente sul rispetto dei cronoprogrammi dei Comuni del Meridione, minando l’attuazione tempestiva delle infrastrutture previste dal Pnrr. Secondo l’indagine dello Svimez, i tempi di “sforamento” per il completamento delle opere raggiungono gli 8 mesi nel Sud, rispetto ai 4 mesi della media nazionale.

La riduzione del personale combinata alla mancanza di ricambio ha bloccato i processi di rigenerazione delle risorse umane e di aggiornamento e acquisizione di nuove competenze. Dal 2008 al 2019, il rapporto tra il personale dei Comuni delle Regioni a statuto ordinario e la popolazione si è ridotto del 20,9% nel Centro-Nord, ma raggiunge addirittura il 33,5% al Sud.

Questo trend negativo si riscontra anche nella spesa pro capite per il personale dei Comuni. Nel Centro-Nord, tale spesa è diminuita del 16,6% (passando da 302 a 348 euro), mentre nel Mezzogiorno si è registrata una riduzione del 26,8% (da 291 a 217 euro). Inoltre, nei Comuni dell’Italia Centrale e Settentrionale, la percentuale di personale sotto i 40 anni è diminuita dal 22,5% al 10,2%. Nel Meridione, invece, tale percentuale è passata dall’8,2% al 4,8%.

Un’altra problematica critica riguarda la struttura per titolo di studio del personale degli enti comunali. Nel 2019, solo il 21,2% del personale del Sud possedeva un titolo di laurea, rispetto al 28,9% del Centro-Nord. Questa disparità nella formazione e nell’istruzione può ostacolare la capacità dei Comuni meridionali di affrontare in modo adeguato le sfide e sfruttare appieno le opportunità offerte dal Pnrr.

Per superare queste difficoltà e garantire una corretta attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, diventa fondamentale adottare misure concrete per rafforzare gli organici e le competenze tecniche dei quadri intermedi nei Comuni del Sud. È necessario un impegno congiunto da parte del governo, delle istituzioni locali e delle comunità per affrontare queste sfide e sfruttare al meglio le risorse disponibili, al fine di promuovere lo sviluppo e la crescita delle regioni meridionali e dell’intero Paese.

Gallery

video

gli eventi

Il Sud può diventare “Green & Blue”, torna a Scilla Sud e Futuri

Due giorni nella città dello Stretto per il primo Focus dell'evento della Fondazione Magna Grecia. Tra i relatori il presidente di Rfi Lo Bosco, il presidente Consiglio superiore LL.PP. Sessa, il presidente della Regione Calbria Occhiuto, il presidente dell'Ente Parchi Marini Greco

gli spunti finali di #UNLOCK_IT

Il dibattito che chiude le 10 sessioni tematiche del live streaming

Scilla, Gratteri a SUDeFUTURI: «Non si risolve il problema dei candidati con la patente antimafia»

L'evento della Fondazione Magna Grecia parte alla grande da Piazza San Rocco: oltre al Procuratore di Catanzaro sul palco Antonio Nicaso, Paola Bottero, Alessandro Russo, Nino Foti, Pasqualino Ciccone, Annalisa Insardà e Fabio Macagnino trio

SUDeFUTURI III: il Mezzogiorno riparte da Scilla e dai fondi del PNRR

Il 9 settembre al Castello Ruffo la prima giornata del terzo international annual meeting della Fondazione Magna Grecia. I giornalisti Mieli e Padellaro hanno parlato della ripartenza nel post pandemia con la Vice capo del Dipartimento della Protezione Civile Postiglione e l’Ad Consap Sanasi D’Arpe

SUDeFUTURI a Scilla tra scienza, arte e musica

Tantissima gente e ospiti straordinari per la seconda giornata di SUDeFUTURI a Scilla: sul palco, intervistati da Paola Bottero e Alessandro Russo, uno dei più grandi scienziati al mondo, Robert Gallo, e Arnaldo Caruso, presidente della Società italiana di virologia

focus

La sintesi della giornata di approfondimento sulle mafie nel web

Tra i temi trattati, il vuoto normativo. Francesco Paolo Sisto, Viceministro della Giustizia: bisogna perseguire le condotte illecite nel mondo del web come nel mondo reale

Afghanistan, il Premio letterario organizzato nell’ambasciata di Roma

L’ambasciatore della Repubblica islamica d’Afghanistan a Roma, Khaled Ahmad Zekriya su “Afghanistan ieri, oggi e soprattutto domani”

Il ponte ci può rendere player competitivi nel Mediterraneo

La rigenerazione urbana sostenibile nell’Area Metropolitana dello Stretto: le città, il ponte e i porti nel Mediterraneo che verrà

La Fondazione Magna Grecia a Scilla per un Sud “Green & Blue”

Il video servizio di Adnkronos su SUDeFUTURI 2023 con le interviste a Nino Foti, Paola Bottero e Alessandro Russo