Sud a sorpresa: secondo i consulenti del lavoro sta trainando l’Italia

Il tasso di crescita nell’area è più che doppio rispetto al resto del Paese (4,4%) e continua ad aumentare nell’ultimo anno a un ritmo del 3,1%


Il Mezzogiorno traina l’occupazione italiana. Tra il 1° trimestre del 2019 e il 1° trimestre del 2023 su 474mila nuovi lavoratori, più della metà risiedono al Sud (262mila, il 55,3% del totale). Il tasso di crescita nell’area è più che doppio rispetto al resto del Paese (4,4%) e continua ad aumentare nell’ultimo anno a un ritmo del 3,1%. È una delle fotografie, diffusa oggi in anteprima, scattate dall’indagine della Fondazione studi consulenti del lavoro, dal titolo ‘Italiani e lavoro nell’anno della ripartenza’, che ha elaborato ad hoc gli ultimissimi dati Istat relativi al 1° trimestre 2023. E i cui esiti saranno illustrati durante la conferenza stampa di presentazione del Festival del Lavoro. 

Tra le ragioni del buon risultato del Sud, l’approfondimento individua l’effetto traino delle costruzioni (+19,1%) e dei servizi di informazione e comunicazione (+42,8%), cui sono legati i processi di trasformazione digitale delle aziende. Ma anche l’ampio ricorso agli strumenti di sostegno al lavoro (Decontribuzione Sud su tutti), che ha riguardato circa il 60% delle assunzioni effettuate tra il 2021 e il 2022. 

Dinamiche che, nel loro insieme, hanno lievemente ridotto lo storico divario rispetto alle altre Regioni: nel Mezzogiorno, infatti, il tasso di occupazione è passato dal 43,3% al 47% (+3,4 punti percentuali), mentre quello nazionale dal 58,2% al 60,2% (+2,4 punti percentuali). A ben vedere, la crescita del Sud (con la Puglia in testa alla graduatoria) s’inserisce nel più vasto trend positivo che attraversa l’occupazione italiana: rispetto al 1° trimestre 2022, infatti, i primi tre mesi del 2023 hanno visto un aumento degli occupati nel Bel Paese del 2,3%, con la partecipazione al lavoro salita dell’1,8%. 

Avvicinando la lente, si nota come a essere cresciuta nel Mezzogiorno sia l’occupazione nella fascia 15-34 anni (5,5%) e, in particolare, in quella 55-64 anni (14,8%). Una tendenza, quest’ultima, in linea ancora una volta con quanto avvenuto a livello nazionale: proprio i giovani e i lavoratori senior, nel periodo considerato, sono stati i più richiesti dal mercato, con un aumento rispettivamente del 5,4% e del 14,8%. 

Le cause del fenomeno risiedono nella contrazione occupazionale delle fasce anagrafiche centrali e nel loro calo demografico (-11,7%), che ha dirottato le imprese verso l’offerta più disponibile: giovani e senior, appunto. Ma anche l’evoluzione della domanda del mercato, che vede premiare da un lato le nuove competenze, offerte dai giovani, dall’altro esperienza e professionalità. 

Una tendenza che potrebbe accentuarsi nei prossimi anni, complice la direzione intrapresa nel post-pandemia dal lavoro, sempre più attento ai ragazzi e al mantenimento in azienda dei profili più anziani, anche oltre l’età pensionabile. “La ripresa del Sud è una buona notizia per tutti, visto che circa un terzo della popolazione italiana si concentra in quell’area. Le sue potenzialità sono enormi, sebbene anni di politiche poco lungimiranti abbiano impedito un inserimento lavorativo di lungo periodo (basti pensare al reddito di cittadinanza). Sapere, poi, che a guidare la crescita sono i giovani fa presagire che qualcosa nel mondo del lavoro sta cambiando e potrebbe ancora cambiare, grazie anche ad alcuni recenti interventi normativi (come il Decreto Lavoro), che sanno intellegere la realtà e agire in nome delle nuove generazioni”, ha commentato Rosario De Luca, presidente del consiglio nazionale dell’Ordine dei consulenti del lavoro.

Gallery

video

gli eventi

SUDeFUTURI III: il Mezzogiorno riparte da Scilla e dai fondi del PNRR

Il 9 settembre al Castello Ruffo la prima giornata del terzo international annual meeting della Fondazione Magna Grecia. I giornalisti Mieli e Padellaro hanno parlato della ripartenza nel post pandemia con la Vice capo del Dipartimento della Protezione Civile Postiglione e l’Ad Consap Sanasi D’Arpe

Scilla, SUDeFUTURI parte con Nicola Gratteri e Robert Gallo

Il magistrato e lo scienziato statunitense protagonisti del prequel dell’international annual meeting, venerdì 27 e sabato 28 agosto nella perla del turismo calabrese, insieme agli artisti della tradizione musicale e interpretativa regionale

Alla fine ha vinto il Sud più bello

Una scommessa nata nel 2019, vinta prima a Mondello, poi a Roma, infine a Scilla: le impressioni a caldo dell'ultima edizione di SUDeFUTURI:

Fermiamo l’emorragia di cervelli e costruiamo futuri

Una sintesi di quello che è successo a Palermo al I Annual International Meeting

gli spunti finali di #UNLOCK_IT

Il dibattito che chiude le 10 sessioni tematiche del live streaming

focus

La sintesi della giornata di approfondimento sulle mafie nel web

Tra i temi trattati, il vuoto normativo. Francesco Paolo Sisto, Viceministro della Giustizia: bisogna perseguire le condotte illecite nel mondo del web come nel mondo reale

Afghanistan, il Premio letterario organizzato nell’ambasciata di Roma

L’ambasciatore della Repubblica islamica d’Afghanistan a Roma, Khaled Ahmad Zekriya su “Afghanistan ieri, oggi e soprattutto domani”

Il ponte ci può rendere player competitivi nel Mediterraneo

La rigenerazione urbana sostenibile nell’Area Metropolitana dello Stretto: le città, il ponte e i porti nel Mediterraneo che verrà

La Fondazione Magna Grecia a Scilla per un Sud “Green & Blue”

Il video servizio di Adnkronos su SUDeFUTURI 2023 con le interviste a Nino Foti, Paola Bottero e Alessandro Russo