Con il Sud, PNRR: maggiori difficoltà nei comuni del Mezzogiorno

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) è uno strumento fondamentale per il rilancio dell’economia italiana, ma la sua realizzazione potrebbe incontrare alcune difficoltà nei comuni del Mezzogiorno. È quanto emerge dal rapporto “In quali Comuni italiani la realizzazione delle opere del Pnrr incontrerà le maggiori difficoltà?” commissionato dalla Fondazione Con il Sud al professor Gianfranco Viesti dell’Università di Bari.

Il rapporto analizza le dinamiche delle amministrazioni comunali italiane negli ultimi 15 anni riprendendo in particolare alcune analisi della Banca d’Italia, e evidenzia che il personale dei comuni si è ridotto del 27% tra il 2007 e il 2020, con una dinamica ancora peggiore al Sud. Questa riduzione del personale potrebbe rappresentare un ostacolo per la realizzazione degli investimenti previsti dal PNRR, anche a causa di una carenza di personale qualificato.

Il rapporto analizza inoltre le difficoltà specifiche di ogni comune medio-grande italiano, cioè con una popolazione superiore ai 60.000 abitanti. Si scopre così che il numero di dipendenti rispetto alla popolazione è intorno alla metà rispetto a Firenze e Bologna nelle amministrazioni di Napoli e Bari, e che i dipendenti del comune di Napoli si sono ridotti di oltre il 50%. Inoltre, a Palermo e Catania la percentuale di dipendenti laureati è meno della metà della media nazionale.

L’indice sintetico presentato nel rapporto conferma che le difficoltà delle amministrazioni comunali sono maggiori in alcune regioni del Mezzogiorno, come Campania, Calabria, Sicilia e Puglia. In particolare, Napoli e Catania sono fra le città più critiche, in quanto presentano carenze significative in quantità e/o in qualità di personale disponibile.

Per far sì che il PNRR possa essere realizzato con successo, il rapporto suggerisce un’azione di sostegno immediata e forte, tramite nuove assunzioni di personale o supporti tecnici esterni, verso i comuni più critici. In questo modo, sarà possibile monitorare attentamente le possibili difficoltà anche in altre città del Mezzogiorno.

Gallery

video

gli eventi

SUDeFUTURI III | LA RASSEGNA STAMPA

SUDeFUTURI 2021 SCILLA | IL PREQUEL VAI ALLA RASSEGNA STAMPA NAZIONALE SPECIALE ADNKRONOS Al via a Scilla 'La narrazione del Sud' organizzato da Fondazione Magna Grecia Protagonisti...

SeF III, l’appuntamento a Scilla

Rinnoviamo il Mezzogiorno, III International Annual Meeting | Scilla (RC) 27/28 agosto 2021 | Prequel Piazza S. Rocco 9/10/11 settembre 2021 | Castello Ruffo

A SUDeFUTURI V i Ministri Fitto e Sangiuliano

Il vice presidente FMG al Ministro della Cultura: bisogna dichiarare la Magna Grecia Patrimonio dell’Unesco

SUDeFUTURI V | rassegna stampa

La rassegna stampa on line dell'evento SUDeFUTURI V in Cilento, dal 28 al 30 settembre 2023, a Castellabate e Paestum (Sa)

Sotira (Civita): «Sviluppare turismo culturale, al Sud non solo quello balneare»

L'intervento al meeting "Sud e futuri: Mezzogiorno strategico" organizzato dalla Fondazione Magna Grecia alla Lanterna di Roma

focus

La sintesi della giornata di approfondimento sulle mafie nel web

Tra i temi trattati, il vuoto normativo. Francesco Paolo Sisto, Viceministro della Giustizia: bisogna perseguire le condotte illecite nel mondo del web come nel mondo reale

Afghanistan, il Premio letterario organizzato nell’ambasciata di Roma

L’ambasciatore della Repubblica islamica d’Afghanistan a Roma, Khaled Ahmad Zekriya su “Afghanistan ieri, oggi e soprattutto domani”

Il ponte ci può rendere player competitivi nel Mediterraneo

La rigenerazione urbana sostenibile nell’Area Metropolitana dello Stretto: le città, il ponte e i porti nel Mediterraneo che verrà

La Fondazione Magna Grecia a Scilla per un Sud “Green & Blue”

Il video servizio di Adnkronos su SUDeFUTURI 2023 con le interviste a Nino Foti, Paola Bottero e Alessandro Russo