Università, Censis: lente di ingrandimento sugli atenei meridionali

È stata pubblicata la 22esima edizione del rapporto Censis sulle Università italiane. L’analisi Censis passa in rassegna tutti gli atenei italiani, statali e non, divisi in categorie omogenee per dimensioni, e considera un insieme di variabili come le strutture disponibili, i servizi erogati, le borse di studio, il prestigio internazionale degli atenei, l’occupabilità e la comunicazione. Rispetto all’anno scorso aumentano gli studenti che decidono di abbandonare il sistema (-3,2% per i maschi e -2,6% per le femmine). La variazione negativa più accentuata si rileva al Sud, dove si sono immatricolati 4.9mila studenti in meno, pari al -5,1%.

Nella classifica dei mega atenei statali – capeggiata dall’Università di Bologna, di Padova e da La Sapienza di Roma – al settimo posto troviamo l’Università di Palermo, a pari merito con quella di Torino. A chiudere la classifica degli atenei con oltre 40mila iscritti ci sono l’Università di Bari e la Federico II di Napoli (nono e decimo posto).

Tra i grandi atenei pubblici (da 20 a 40mila iscritti) sul podio si situa l’Università della Calabria che ottiene il terzo posto dopo quella di Pavia e di Perugia. L’Università di Salerno si colloca all’11° posto ma perde nove posizioni rispetto all’anno scorso. In coda al ranking l’Università di Messina e quella di Catania, che occupano il 18° e il 19° posto.

Nella classifica dei medi atenei statali – da 10 a 20mila studenti – l’Università del Salento figura all’ottavo posto: l’ateneo però arretra di due posizioni rispetto allo scorso anno. All’undicesimo posto troviamo l’Università di Foggia, che è prima nel Mezzogiorno per tutte le lauree triennali. Chiudono la classifica degli atenei medi tre Università del Sud – la Magna Graecia di Catanzaro, l’Orientale di Napoli e la Parthenope.

La medaglia di bronzo tra i piccoli atenei, fino a 10.000 iscritti, va all’Università Mediterranea di Reggio Calabria, che scala di tre posizioni rispetto all’anno scorso grazie agli indicatori relativi a comunicazione, servizi digitali e occupabilità.

Tra i Politecnici all’ultimo posto quello di Bari, quarto dopo Milano, Torino e lo Iuav di Venezia.

Gallery

video

gli eventi

SeF III: la voglia di lavorare insieme verso un orizzonte condiviso

Condivisione, confronto e contaminazione hanno caratterizzato la terza edizione di SUDeFUTURI, l'evento di Fondazione Magna Grecia. Al centro del progetto il patrimonio più importante: le persone

SUDeFUTURI, da Scilla l’appello di Robert Gallo: «Vaccinatevi, il nuovo ceppo Covid è molto pericoloso»

A SUDeFUTURI anche il presidente dei virologi italiani Caruso: "È importante capire che più il virus è libero di circolare più muta perché non incontra resistenza, è come un fiume che non è arginabile in alcun modo"

SeF V: le immagini di Castellabate

Villa Matarazzo a Castellabate (Sa) ha ospitato i primi due giorni della V edizione di SUDeFUTURI: le immagini

SUDeFUTURI III: l’Italia riparte dal Mezzogiorno

Cala il sipario sul terzo meeting internazionale della Fondazione Magna Grecia con un focus su risorse umane, giovani, south working e con un appassionante dibattito sullo stato di salute delle democrazie

Il Premio Magna Grecia 2019 a Federico Faggin

Riconoscimento speciale alla carriera a Fulvio Lucisano

focus

La sintesi della giornata di approfondimento sulle mafie nel web

Tra i temi trattati, il vuoto normativo. Francesco Paolo Sisto, Viceministro della Giustizia: bisogna perseguire le condotte illecite nel mondo del web come nel mondo reale

Afghanistan, il Premio letterario organizzato nell’ambasciata di Roma

L’ambasciatore della Repubblica islamica d’Afghanistan a Roma, Khaled Ahmad Zekriya su “Afghanistan ieri, oggi e soprattutto domani”

Il ponte ci può rendere player competitivi nel Mediterraneo

La rigenerazione urbana sostenibile nell’Area Metropolitana dello Stretto: le città, il ponte e i porti nel Mediterraneo che verrà

La Fondazione Magna Grecia a Scilla per un Sud “Green & Blue”

Il video servizio di Adnkronos su SUDeFUTURI 2023 con le interviste a Nino Foti, Paola Bottero e Alessandro Russo