• +39 06 455 98 545
  • info@sudefuturi.it

Mimmo Calopresti

regista, sceneggiatore e attore

Il suo esordio cinematografico avviene nel il 1995, quando realizza “La seconda volta”, con Valeria Bruni Tedeschi, Marina Confalone e Nanni Moretti. La sceneggiatura si aggiudica il Premio Solinas e viene presentato nella Sezione Ufficiale del Festival di Cannes. Nel 1998 realizza “La parola amore esiste”, sempre con Valeria Bruni Tedeschi e Marina Confalone, affiancate da Fabrizio Bentivoglio, Massimo Bonetti e Gérard Depardieu. Il film vince il Nastro d’Argento come Miglior Soggetto Originale. Nel 1999 firma il documentario per la TV “Tutto era Fiat”, seguito da “Preferisco il rumore del mare” (2000). Nel 2001 è chiamato a far parte della giuria del Festival di Cannes. Dopo essersi cimentato anche come attore in tre film, nel 2004 è membro della giuria al Festival di Venezia. Nel 2007 dirige “L’abbuffata”, di cui cura anche il soggetto, interpretato da Gerard Depardieu, Diego Abatantuono, Valeria Bruni Tedeschi, Donatella Finocchiaro, Nino Frassica e Paolo Briguglia.
Nel luglio del 2008 alla Mostra del Cinema di Venezia, presenta il documentario La fabbrica dei tedeschi, sull’incidente di Torino alla fabbrica Thyssen Krupp, nel 2009 presenta il documentario “La maglietta rossa”, dedicato alla finale di Coppa Davis del 1976. Nel 2010 collabora alla sceneggiatura del nuovo film di Mario Monicelli, “La nuova armata Brancaleone”, nel 2015 realizza il film “Uno per tutti” interpretato da Isabella Ferrari, Fabrizio Ferracane, Giorgio Panariello e Thomas Trabacchi e girato interamente a Trieste. Nel 2016 gira “La fabbrica fantasma”, in cui racconta il mondo delle contraffazioni da Napoli a Budapest.
Il suo ultimo film, “Aspromonte – La terra degli ultimi”, con Valeria Bruni Tedeschi e Marcello Fonte, uscirà nelle sale cinematografiche a fine settembre 2019.

Date 09 Aug, 2019

Categories protagonisti

BIO