Formazione, Sud: a Modica nuovo hub universitario per attrarre talenti

Modica, una città situata nella parte sud-est della Sicilia, è famosa per il cioccolato, il Barocco e le puntate del celebre Commissario Montalbano. Ma ora la città ha aggiunto un’altra attrattiva al suo elenco: la formazione universitaria di alto livello. Questo grazie all‘Hub universitario di Icotea, un istituto di formazione accreditato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR), che ha inaugurato la sua quarta sede a Modica.

La nuova sede di Icotea è un campus innovativo di ben 7.000 metri quadrati che offre lauree, master, corsi di specializzazione e certificazioni linguistiche, proponendosi come punto di riferimento per l’istruzione in tutto il bacino del Mediterraneo. Un totale di 346 corsi e 59 aree tematiche che contano 61 accreditamenti ministeriali, il numero più elevato per un istituto di formazione. Ma non è solo un centro accademico: offre anche attività sportive e culturali. Alle 22 aule ed i cinque laboratori si aggiungono due palestre, una al chiuso e una all’aperto, due teatri e diverse aree espositive. Inoltre, la struttura dispone delle più moderne tecnologie multimediali e informatiche, integrate in modo armonico in un parco naturale di circa 15.000 metri quadrati.

Un’importante missione di Icotea è la sostenibilità ambientale, e il campus è stato progettato con l’obiettivo di tenere basse le emissioni di CO2. L’integrazione tra tecnologia e natura è un aspetto distintivo del campus, che risponde alla missione di Icotea di creare un’esperienza di studio unica e completa, che va oltre la formazione accademica tradizionale.

Ma il vero obiettivo di Icotea è l’internazionalizzazione della Sicilia. La realtà formativa vuole infatti attrarre studenti provenienti da ogni parte del mondo a Modica, permettendogli di vivere un’esperienza di formazione di alto livello in un contesto ricco di arte, storia e cultura.

Gallery

video

gli eventi

Ponte sullo Stretto e innovazione volano del Mezzogiorno?

Ponte sullo Stretto e innovazione tecnologica sono stati i temi principali della seconda parte del dibattito animato dai giornalisti Paola Bottero e Alessandro Russo nel corso della prima giornata della terza edizione di SUDeFUTURI, progetto della Fondazione Magna Grecia, che si è svolta giovedì 9 settembre al Castello Ruffo di Scilla

SUDeFUTURI a Scilla per (R)innovare il Mezzogiorno

Il 9, 10 e 11 settembre un parterre d'eccezione al Castello Ruffo per il progetto della Fondazione Magna Grecia. Oltre 60 relatori ragioneranno sulle strategie di sviluppo del Sud

SeF III: l’ora del Mezzogiorno scatta a Scilla

Dal Castello Ruffo, dove è forte il richiamo a mito e storia, Fondazione Magna Grecia guarda al futuro con SUDeFUTURI III - (R)innoviamo il Mezzogiorno, la terza edizione del meeting internazionale, nella tre giorni dal 9 all’11 settembre. 12 workshop, oltre 60 relatori e 4 moderatori d'eccezione

Foti : «Il Sud non è solo cronaca, valore a storia e arte»

Le considerazioni del presidente della fondazione Magna Grecia intervenuto alla Lanterna di Roma al meeting "Sud e futuri: Mezzogiorno strategico"

focus

La sintesi della giornata di approfondimento sulle mafie nel web

Tra i temi trattati, il vuoto normativo. Francesco Paolo Sisto, Viceministro della Giustizia: bisogna perseguire le condotte illecite nel mondo del web come nel mondo reale

Afghanistan, il Premio letterario organizzato nell’ambasciata di Roma

L’ambasciatore della Repubblica islamica d’Afghanistan a Roma, Khaled Ahmad Zekriya su “Afghanistan ieri, oggi e soprattutto domani”

Il ponte ci può rendere player competitivi nel Mediterraneo

La rigenerazione urbana sostenibile nell’Area Metropolitana dello Stretto: le città, il ponte e i porti nel Mediterraneo che verrà

La Fondazione Magna Grecia a Scilla per un Sud “Green & Blue”

Il video servizio di Adnkronos su SUDeFUTURI 2023 con le interviste a Nino Foti, Paola Bottero e Alessandro Russo