Perché i giovani riempiono gli stadi e non le chiese?

Persone, per lo più giovani, che si sono radunate in uno stadio per il concerto di un cantante, Tiziano Ferro. Ma potrebbe essere chiunque altro.
Sono a migliaia, tutti presenti, tutti desiderosi che inizi il concerto (“non vedono l’ora, si dice”)… per la loro gioia (di alcuni attimi, certo), per la loro “distrazione” (divertissement pascaliano) dal grande problema della vita (=che moriremo). Ciò che li cementa e li trasforma da “massa informe” a “comunità di destino” è l’evento di un cantante che “parla loro cantando”.

I giovani conoscono già quelle parole e le cantano “insieme”, all’unisono (sono immedesimati): qui nessuna distrazione, ma concentrazione, sono psicodinamicamente “una cosa sola”. Ricevono messaggi per la vita e li accolgono perché “amano” chi li offre (ovviamente non gratis, per aver pagato “volentieri” un biglietto): il cantante è il testimone e tutto quello che dice e canta è “oro colato” perché si “inaltra” (Rosmini) per “immedesimazione” (E. Stein) e, attraverso l’emozione si sedimenta nell’anima.

E dopo (prima o poi) si trasforma – come il cibo in sangue – in modi di vedere, di guardare alle cose, di giudicare sull’amore, sull’amicizia, sui rapporti umani. Qui non c’è da “pensare” – qui c’è la “ragione più grande” , che non è del cervello dell’intellettuale, ma del corpo vissuto (Leib). È la grande ragione del corpo che “fa e disfa” l’Io (Nietzsche), generando sempre nuove identità.

Ed io oggi, domenica 2 Luglio, celebrerò una Santa Messa in una parrocchia romana.
Sono stato avvisato dal parroco con queste parole: “Eccellenza, non si aspetti però che ci sia gente. È luglio e sono tutti a mare”. Del resto i giovani non riempiono più le chiese, ma solo gli stadi. Eppure ci sarà una via, un linguaggio, una parola, un gesto, un esempio, un miracolo per ritornare a dare senso alla vita per aver ascoltato e incontrato in modo nuovo il Vangelo di Gesù? O meglio per aver toccato, gustato, veduto, sentito, amato Gesù nel suo Vangelo?

Sperare è doveroso, l’ottimismo è cristiano, ma occorre faticare nella carità perché accada qualcosa di nuovo dalla “carne risorta della Chiesa”.

Buona domenica

Antonio Staglianò
Antonio Staglianò
Nato a Isola di Capo Rizzuto (Kr) ha frequentato le scuole medie al seminario di Crotone e il liceo "Tommaso Campanella" di Reggio Calabria. La sua formazione teologico-spirituale è continuata a Milano. Nel 1984 è iniziato il suo ministero sacerdotale. Oggi è vescovo emerito di Noto e presidente della Pontificia accademia di teologia. Ha inventato e divulga la pop-Theology, "la possibilità di ripensare e riscrivere la teologia a servizio della gioia del Vangelo".

Gallery

video

gli eventi

La Fondazione Magna Grecia a Scilla per un Sud “Green & Blue”

Il video servizio di Adnkronos su SUDeFUTURI 2023 con le interviste a Nino Foti, Paola Bottero e Alessandro Russo

Foti : «Il Sud non è solo cronaca, valore a storia e arte»

Le considerazioni del presidente della fondazione Magna Grecia intervenuto alla Lanterna di Roma al meeting "Sud e futuri: Mezzogiorno strategico"

SeF V sui social

La diretta in canvas della tre giorni in Cilento, a Santa Maria di Castellabate e Paestum, di SUDeFUTURI V

Scilla, Gratteri a SUDeFUTURI: «Non si risolve il problema dei candidati con la patente antimafia»

L'evento della Fondazione Magna Grecia parte alla grande da Piazza San Rocco: oltre al Procuratore di Catanzaro sul palco Antonio Nicaso, Paola Bottero, Alessandro Russo, Nino Foti, Pasqualino Ciccone, Annalisa Insardà e Fabio Macagnino trio

Ponte sullo Stretto e innovazione volano del Mezzogiorno?

Ponte sullo Stretto e innovazione tecnologica sono stati i temi principali della seconda parte del dibattito animato dai giornalisti Paola Bottero e Alessandro Russo nel corso della prima giornata della terza edizione di SUDeFUTURI, progetto della Fondazione Magna Grecia, che si è svolta giovedì 9 settembre al Castello Ruffo di Scilla

focus

Afghanistan, il Premio letterario organizzato nell’ambasciata di Roma

L’ambasciatore della Repubblica islamica d’Afghanistan a Roma, Khaled Ahmad Zekriya su “Afghanistan ieri, oggi e soprattutto domani”

Il ponte ci può rendere player competitivi nel Mediterraneo

La rigenerazione urbana sostenibile nell’Area Metropolitana dello Stretto: le città, il ponte e i porti nel Mediterraneo che verrà

La Fondazione Magna Grecia a Scilla per un Sud “Green & Blue”

Il video servizio di Adnkronos su SUDeFUTURI 2023 con le interviste a Nino Foti, Paola Bottero e Alessandro Russo

L’ora del Mediterraneo del Sud

Il divario tra il Mezzogiorno e il resto d’Italia cresce paradossalmente mentre energia, commerci e cultura si spostano tutti verso Sud. Come capitalizzare un ruolo strategico? Tre idee