Foti: “Servono infrastrutture importanti per non perdere il capitale umano”

Il presidente della Fondazione Magna Grecia punta il dito sui collegamenti da e verso verso il Mezzogiorno e la Calabria nel corso dell’evento di Scilla per un Sud “Green & Blue”


“Un Sud green&blue. Risorse, ostacoli e opportunità” è il tema scelto quest’anno dalla Fondazione Magna Grecia per l’appuntamento annuale a Scilla, in provincia di Reggio Calabria. Ad aprire i lavori il presidente della fondazione Nino Foti. “Scilla è un posto del cuore ed è per questo che torniamo qui ogni anno. Il nostro obiettivo è quello di migliorare la situazione attuale, pur sapendo che siamo una goccia in un mare di necessità del Sud. In questi anni abbiamo fatto venire qui ospiti internazionali non solo per mostrare loro il posto ma anche per avere un confronto sulle loro esperienze. Oltre a continuare ad aiutare Scilla, dobbiamo pure cercare di fornire un supporto per quanto riguarda i sostegni finanziari. Le necessità sono tante e in aumento, ma ripagate da un luogo meraviglioso, ricordando però che senza infrastrutture importanti il capitale umano va perso”. 

Dito puntato verso i collegamenti per Reggio Calabria: “Il popolo protesta per la situazione dei voli -ha puntualizzato Foti- la classe politica no. La Ita è una società ancora pubblica e sinceramente non so cosa fanno i deputati del Sud, che avrebbero potuto convocare i vertici in Commissione Trasporti per chiedere come sia stato possibile passare da 5 voli al giorno per Reggio Calabria a uno solo e per di più in tarda serata. Immaginate chi è costretto a bivaccare per ore negli aeroporti per prendere l’unico volo serale per Reggio Calabria. La domanda è serve l’obolo? Non viene qui perché non ha un contributo o perché non le piace il posto?”.

Oggi parliamo di ricerca e formazione, come Fondazione abbiamo investito parecchio sul capitale umano”, ha dichiarato Foti nel corso della prima tavola rotonda del focus sul tema “Il valore aggiunto della ricerca”. “La verità è che i giovani chiedono di essere formati e allora gli investimenti devono essere sulla ricerca per destinarla ai territori e noi lo stiamo facendo. Purtroppo, come ha dimostrato l’operato del ministro Elsa Fornero durante il Governo Monti, e mi riferisco agli esodati, l’università non è collegata con realtà”, ha concluso.

SeF
SeFhttps://fondazionemagnagrecia.it/
SUDeFUTURI è molto più di un progetto: è il bisogno di trovare insieme i futuri del Sud Italia e dei Sud del mondo.

Gallery

video

gli eventi

Calcio, Gravina: «Dati Sud impietosi, numero tesserati un terzo rispetto a Nord e Centro»

L'intervento del presidente della Figc al meeting "Sud e futuri: Mezzogiorno strategico" organizzato dalla Fondazione Magna Grecia alla Lanterna di Roma

Fermiamo l’emorragia di cervelli e costruiamo futuri

Una sintesi di quello che è successo a Palermo al I Annual International Meeting

SUDeFUTURI III: risorse umane e progettazione

Gli esseri umani come risorsa per ripartenza del Mezzogiorno. Paolo Mieli ne ha discusso con Antonella Polimeni, Rettrice della Sapienza, Anna Barbaro, campionessa di Paratriathlon, Adriano Giannola, presidente Svimez e Francesco Cicione, presidente Entopan. È partita così la terza giornata del meeting SUDeFUTURI al Castello di Scilla 

Cultura, Mazzotta: «Per il Sud non servono nuove risorse ma un buon uso dei fondi»

L'intervento del Ragioniere generale dello Stato al meeting "Sud e futuri: Mezzogiorno strategico" organizzato dalla Fondazione Magna Grecia

focus

Afghanistan, il Premio letterario organizzato nell’ambasciata di Roma

L’ambasciatore della Repubblica islamica d’Afghanistan a Roma, Khaled Ahmad Zekriya su “Afghanistan ieri, oggi e soprattutto domani”

Il ponte ci può rendere player competitivi nel Mediterraneo

La rigenerazione urbana sostenibile nell’Area Metropolitana dello Stretto: le città, il ponte e i porti nel Mediterraneo che verrà

La Fondazione Magna Grecia a Scilla per un Sud “Green & Blue”

Il video servizio di Adnkronos su SUDeFUTURI 2023 con le interviste a Nino Foti, Paola Bottero e Alessandro Russo

L’ora del Mediterraneo del Sud

Il divario tra il Mezzogiorno e il resto d’Italia cresce paradossalmente mentre energia, commerci e cultura si spostano tutti verso Sud. Come capitalizzare un ruolo strategico? Tre idee