Politiche 2022: al Sud il maggior tasso di astensionismo

Un Mezzogiorno sempre più disinteressato alla politica: il Sud Italia è l’area del Paese con il maggior tasso di astensionismo alle elezioni politiche del 25 settembre. Nella parte bassa dello stivale ha votato il 10% di elettori in meno rispetto alla tornata precedente.
In generale si tratta delle elezioni con il minor numero di persone che si sono recate
alle urne: ha votato il 64% degli italiani, il dato nel 2018 era del 73%.

l’affluenza nelle regioni del Mezzogiorno

In Campania il tasso di affluenza è stato del 51,16%, meno 15,1% rispetto al 2018. Si tratta della regione con più astenuti. A Napoli il calo è stato del 10,7%, Caserta e Benevento le aree con la minore partecipazione nella regione. Il Molise ha avuto un calo del 13,9%, la Calabria del 13%. In controtendenza la Sicilia ha registrato un aumento delle affluenze anche per via delle elezioni comunali in corso nell’isola. L’affluenza nel Mezzogiorno è sempre stata minore rispetto alla media italiana e il gap è cresciuta progressivamente: dal 98% nel 1948 si è passati al 92% nel 2018. Al Nord l’affluenza storicamente. Nel 2013 e nel 2018 era rispettivamente del 109% e del 107%.

Secondo i dati YouTrend, nei Comuni con più occupati, laureati e maggiore presenza di stranieri sono quelli con l’affluenza maggiore. La regione con la maggior partecipazione è l’Emilia Romagna.

In tutta Italia vince il non voto

Al Sud – e in tutta la penisola – è il non voto il vero vincitore. Il centrodestra è comunque primo quasi ovunque, ma il Movimento 5 stelle è quello preferito in Campania, Puglia e vince molti collegi uninominali di Napoli e provincia e di Foggia. Il grande sconfitto il centro-sinistra, che non ottiene nemmeno un uninominale in tutto il Mezzogiorno. Nelle isole la coalizione di centro destra vince in tutti i collegi, tranne in quello senatoriale di Palermo, che va ai 5 Stelle. Il centrosinistra vince solo a Cagliari al Senato, il centrodestra alla Camera.

Gallery

video

gli eventi

SeF I, il meeting di Mondello

50 protagonisti nazionali e internazionali, 12 tavoli tematici, 3 giorni di lavoro: il I Annual International Meeting. 4/5/6 ottobre 2019 al Mondello Palace di Palermo

L’Alta Velocità tra bugie e verità: siamo ancora in tempo per correggere gli errori

Le riflessioni del docente di Ingegneria dei Sistemi di Mobilità Sostenibile dell'Università Mediterranea di Reggio Calabria: perché l'approccio attuale rischia di essere controproducente

SUDeFUTURI III: l’Italia riparte dal Mezzogiorno

Cala il sipario sul terzo meeting internazionale della Fondazione Magna Grecia con un focus su risorse umane, giovani, south working e con un appassionante dibattito sullo stato di salute delle democrazie

Foti : «Il Sud non è solo cronaca, valore a storia e arte»

Le considerazioni del presidente della fondazione Magna Grecia intervenuto alla Lanterna di Roma al meeting "Sud e futuri: Mezzogiorno strategico"

focus

La sintesi della giornata di approfondimento sulle mafie nel web

Tra i temi trattati, il vuoto normativo. Francesco Paolo Sisto, Viceministro della Giustizia: bisogna perseguire le condotte illecite nel mondo del web come nel mondo reale

Afghanistan, il Premio letterario organizzato nell’ambasciata di Roma

L’ambasciatore della Repubblica islamica d’Afghanistan a Roma, Khaled Ahmad Zekriya su “Afghanistan ieri, oggi e soprattutto domani”

Il ponte ci può rendere player competitivi nel Mediterraneo

La rigenerazione urbana sostenibile nell’Area Metropolitana dello Stretto: le città, il ponte e i porti nel Mediterraneo che verrà

La Fondazione Magna Grecia a Scilla per un Sud “Green & Blue”

Il video servizio di Adnkronos su SUDeFUTURI 2023 con le interviste a Nino Foti, Paola Bottero e Alessandro Russo