Politiche 2022: al Sud il maggior tasso di astensionismo

Un Mezzogiorno sempre più disinteressato alla politica: il Sud Italia è l’area del Paese con il maggior tasso di astensionismo alle elezioni politiche del 25 settembre. Nella parte bassa dello stivale ha votato il 10% di elettori in meno rispetto alla tornata precedente.
In generale si tratta delle elezioni con il minor numero di persone che si sono recate
alle urne: ha votato il 64% degli italiani, il dato nel 2018 era del 73%.

l’affluenza nelle regioni del Mezzogiorno

In Campania il tasso di affluenza è stato del 51,16%, meno 15,1% rispetto al 2018. Si tratta della regione con più astenuti. A Napoli il calo è stato del 10,7%, Caserta e Benevento le aree con la minore partecipazione nella regione. Il Molise ha avuto un calo del 13,9%, la Calabria del 13%. In controtendenza la Sicilia ha registrato un aumento delle affluenze anche per via delle elezioni comunali in corso nell’isola. L’affluenza nel Mezzogiorno è sempre stata minore rispetto alla media italiana e il gap è cresciuta progressivamente: dal 98% nel 1948 si è passati al 92% nel 2018. Al Nord l’affluenza storicamente. Nel 2013 e nel 2018 era rispettivamente del 109% e del 107%.

Secondo i dati YouTrend, nei Comuni con più occupati, laureati e maggiore presenza di stranieri sono quelli con l’affluenza maggiore. La regione con la maggior partecipazione è l’Emilia Romagna.

In tutta Italia vince il non voto

Al Sud – e in tutta la penisola – è il non voto il vero vincitore. Il centrodestra è comunque primo quasi ovunque, ma il Movimento 5 stelle è quello preferito in Campania, Puglia e vince molti collegi uninominali di Napoli e provincia e di Foggia. Il grande sconfitto il centro-sinistra, che non ottiene nemmeno un uninominale in tutto il Mezzogiorno. Nelle isole la coalizione di centro destra vince in tutti i collegi, tranne in quello senatoriale di Palermo, che va ai 5 Stelle. Il centrosinistra vince solo a Cagliari al Senato, il centrodestra alla Camera.

Gallery

video

gli eventi

SUDeFUTURI III, Foti: «Serve una centrale di spesa per gestire il PNRR»

Al Castello Ruffo di Scilla durante la seconda giornata di SUDeFUTURI III – “(R)innoviamo il Mezzogiorno”, si è parlato della necessità di interventi progettuali nazionali per rendere il Sud motore dell’Italia intera

Calcio, Balata: «Problema infrastrutture urgente, da affrontare con ministro Abodi»

L'intervento del presidente della Lega Serie B al meeting "Sud e futuri: Mezzogiorno strategico" organizzato dalla Fondazione Magna Grecia alla Lanterna di Roma

SUD e FUTURI: i protagonisti

alcuni tra i 50 relatori che arriveranno a Palermo per la tre giorni organizzata dalla Fondazione Magna Grecia

Scilla: il focus SeF per un Sud «green & blue»

SUeFUTURI torna a Scilla per disegnare insieme un Sud da declinare insieme. A breve il programma e le aree tematiche.

Il Sud può diventare “Green & Blue”, torna a Scilla Sud e Futuri

Due giorni nella città dello Stretto per il primo Focus dell'evento della Fondazione Magna Grecia. Tra i relatori il presidente di Rfi Lo Bosco, il presidente Consiglio superiore LL.PP. Sessa, il presidente della Regione Calbria Occhiuto, il presidente dell'Ente Parchi Marini Greco

focus

La sintesi della giornata di approfondimento sulle mafie nel web

Tra i temi trattati, il vuoto normativo. Francesco Paolo Sisto, Viceministro della Giustizia: bisogna perseguire le condotte illecite nel mondo del web come nel mondo reale

Afghanistan, il Premio letterario organizzato nell’ambasciata di Roma

L’ambasciatore della Repubblica islamica d’Afghanistan a Roma, Khaled Ahmad Zekriya su “Afghanistan ieri, oggi e soprattutto domani”

Il ponte ci può rendere player competitivi nel Mediterraneo

La rigenerazione urbana sostenibile nell’Area Metropolitana dello Stretto: le città, il ponte e i porti nel Mediterraneo che verrà

La Fondazione Magna Grecia a Scilla per un Sud “Green & Blue”

Il video servizio di Adnkronos su SUDeFUTURI 2023 con le interviste a Nino Foti, Paola Bottero e Alessandro Russo