Il bilancio Svimez 2022: lo shock energetico penalizza il Sud

Il Rapporto SVIMEZ fornisce un resoconto dell’andamento economico del Mezzogiorno durante la ripresa post-pandemia del 2021, che è stata interrotta dall’arrivo del nuovo “shock Ucraina”. Questo ha causato una ripresa asimmetrica tra Nord e Sud del paese, con una previsione di crescita del PIL del +3,8% a livello nazionale nel 2022, ma con un Sud distante dal resto della penisola di oltre un punto percentuale. Gli effetti territorialmente asimmetrici dello shock energetico dovrebbero riaprire la forbice di crescita del PIL tra Nord e Sud.

Le stime SVIMEZ suggeriscono che ci potrebbe essere un aumento dell’8,6% delle famiglie in povertà assoluta, con forti eterogeneità territoriali. Si tratta di una duplice sfida per il governo: da un lato, mitigare l’impatto del caro energia sulle famiglie e sulle imprese; dall’altro, accelerare sul fronte delle misure di rilancio degli investimenti pubblici e privati dando priorità alla politica industriale attiva per ampliare e ammodernare la base produttiva soprattutto meridionale, necessaria per la creazione di posti di lavoro.

CRISI ENERGETICA E L’OCCUPAZIONE DI BASSA QUALITÀ

Il Sud Italia ha partecipato alla ripartenza economica del Paese nel 2021, con una crescita del PIL del 5,9%, anche se in modo meno rapido rispetto al Nord. La ripresa è stata sostenuta dalle politiche a sostegno dei redditi delle famiglie e della liquidità delle imprese. Tuttavia, i sistemi produttivi del Sud si sono mostrati meno pronti ad agganciare la domanda globale in risalita rispetto al resto del Paese, registrando un ritmo di crescita dell’export più contenuto e investimenti orientati alla costruzione anziché all’ampliamento della capacità produttiva.

Lo shock energetico su famiglie e imprese penalizza il Sud

Nel 2022, la ripresa economica globale è stata rallentata dal costo dell’energia e delle materie prime, dalla comparsa di nuove emergenze sociali e dai nuovi rischi operativi per le imprese. Ciò ha esposto l’economia italiana a nuove turbolenze, portando a una ripartenza meno coesa tra Nord e Sud. La differenza tra i prezzi al consumo tra Nord e Sud è aumentata, con una crescita dei prezzi più significativa nel Mezzogiorno.

Ciò è dovuto alla distribuzione dei redditi, con un maggior numero di famiglie a reddito basso nel Sud che spendono in beni di consumo di prima necessità. Il rientro della bolla inflazionistica, successivamente al 2022, è atteso più lento nel Mezzogiorno.

Le informazioni recenti indicano una crescita acquisita del PIL del 3,9% per il 2022, con una modesta decelerazione attesa alla fine dell’anno.

Il Mezzogiorno italiano sta registrando una ripresa occupazionale in termini quantitativi, ma con bassa qualità del lavoro. La precarietà del lavoro è un fenomeno sempre più diffuso, in particolare tra le donne e i giovani, con il 23% dei lavoratori dipendenti che ha un contratto a termine. Al Sud, solo il 15,8% degli occupati precari ha trovato un’occupazione stabile nel 2020 e la percezione di insicurezza del lavoro è più alta nel Mezzogiorno rispetto al resto del paese. L’incidenza dei lavoratori dipendenti a bassi salari è del 15,3% nel Mezzogiorno, con le lavoratrici in questa condizione che superano il 20% del totale in alcune regioni.

Gallery

video

gli eventi

I Sud in cerca di futuri si riuniscono a Palermo

PRESENTATO IL MEETING INTERNAZIONALE ORGANIZZATO DALLA FONDAZIONE MAGNA GRECIA comunicato stampa del 1 ottobre 2019 È stata presentata stamattina a Palermo a Palazzo Branciforte “SUD e...

costruiamo insieme la ripartenza

#UNLOCK_IT, il live streaming di SUDeFUTURI II, il 9/10/11 dicembre

Foti: “Servono infrastrutture importanti per non perdere il capitale umano”

Il presidente della Fondazione Magna Grecia punta il dito sui collegamenti da e verso verso il Mezzogiorno e la Calabria nel corso dell'evento di Scilla per un Sud "Green & Blue"

Mollicone: «Divario culturale Nord-Sud lede i diritti costituzionali»

L'intervento del presidente della commissione Cultura e Istruzione della Camera dei Deputati alla Lanterna di Roma al meeting "Sud e futuri: Mezzogiorno strategico"

Alla fine ha vinto il Sud più bello

Una scommessa nata nel 2019, vinta prima a Mondello, poi a Roma, infine a Scilla: le impressioni a caldo dell'ultima edizione di SUDeFUTURI:

focus

La sintesi della giornata di approfondimento sulle mafie nel web

Tra i temi trattati, il vuoto normativo. Francesco Paolo Sisto, Viceministro della Giustizia: bisogna perseguire le condotte illecite nel mondo del web come nel mondo reale

Afghanistan, il Premio letterario organizzato nell’ambasciata di Roma

L’ambasciatore della Repubblica islamica d’Afghanistan a Roma, Khaled Ahmad Zekriya su “Afghanistan ieri, oggi e soprattutto domani”

Il ponte ci può rendere player competitivi nel Mediterraneo

La rigenerazione urbana sostenibile nell’Area Metropolitana dello Stretto: le città, il ponte e i porti nel Mediterraneo che verrà

La Fondazione Magna Grecia a Scilla per un Sud “Green & Blue”

Il video servizio di Adnkronos su SUDeFUTURI 2023 con le interviste a Nino Foti, Paola Bottero e Alessandro Russo