Svimez, crisi energetica: al Sud l’impatto maggiore

Gli effetti dell’aumento dei prezzi dell’energia non sono uguali su tutto il territorio.
Le imprese meridionali sono maggiormente esposte allo shock energetico, a causa del maggiore fabbisogno energetico dell’industria del Sud rispetto al resto della penisola.

Lo evidenza un’analisi di Svimez, condotta da Serenella Caravella, Carmelo Petraglia e Stefano Prezioso: alle imprese industriali sull’intero territorio la bolletta, per via dell’aumento dei prezzi di energia elettrica, costa annualmente 42,9 miliardi di euro. Di questa cifra, il 20% – pari a 8,2 miliardi – fa capo ai sistemi produttivi del Sud “il cui contributo in termini di valore aggiunto sul totale del comparto industriale italiano è tuttavia inferiore al 10%”. Il tessuto economico del Sud è quindi maggiormente penalizzato.

settori energy intensive, imprese piccole e costi di trasporto i fattori alla base del problema

In base allo studio, tra i fattori che alla base vi è il peso maggiore di settori energy-intensive, alla presenza di tante imprese di piccola dimensione che producono meno ma hanno un’alta incidenza dei costi dell’energia. Un altro fardello che pesa nei bilanci delle aziende del Sud è costituito dai costi di trasporto sull’intero sistema produttivo che sono di gran lunga più alti rispetto al resto della penisola. La mancanza di connessioni, la maggiore distanza dai maggiori mercati di sbocco e approvvigionamento delle merci “fa sì che l’impatto di tale canale, indiretto, sia non trascurabile per la rilevanza che gli incrementi nei costi energetici hanno su questa componente dei costi totali”.

Nelle regioni del Sud ad eccezione delle isole, l’incidenze dei costi energetici dal 2019 al 2022 è aumentata di 8 volte (da 1,2% a 8%), il doppio rispetto al Nord-Est (da 0,7% a 4,8%), e in misura ancor maggiore rispetto a Nord-Ovest (da 0,6 a 3,6%), Isole (da 0,5 a 3,1%) e Centro (da 0,4 a 2,6%).

Gallery

video

gli eventi

Scilla, Gratteri a SUDeFUTURI: «Non si risolve il problema dei candidati con la patente antimafia»

L'evento della Fondazione Magna Grecia parte alla grande da Piazza San Rocco: oltre al Procuratore di Catanzaro sul palco Antonio Nicaso, Paola Bottero, Alessandro Russo, Nino Foti, Pasqualino Ciccone, Annalisa Insardà e Fabio Macagnino trio

Cultura, Mazzotta: «Per il Sud non servono nuove risorse ma un buon uso dei fondi»

L'intervento del Ragioniere generale dello Stato al meeting "Sud e futuri: Mezzogiorno strategico" organizzato dalla Fondazione Magna Grecia

SeF V sui social

La diretta in canvas della tre giorni in Cilento, a Santa Maria di Castellabate e Paestum, di SUDeFUTURI V

SUDeFUTURI, da Scilla l’appello di Robert Gallo: «Vaccinatevi, il nuovo ceppo Covid è molto pericoloso»

A SUDeFUTURI anche il presidente dei virologi italiani Caruso: "È importante capire che più il virus è libero di circolare più muta perché non incontra resistenza, è come un fiume che non è arginabile in alcun modo"

SeF V: le immagini di Castellabate

Villa Matarazzo a Castellabate (Sa) ha ospitato i primi due giorni della V edizione di SUDeFUTURI: le immagini

focus

La sintesi della giornata di approfondimento sulle mafie nel web

Tra i temi trattati, il vuoto normativo. Francesco Paolo Sisto, Viceministro della Giustizia: bisogna perseguire le condotte illecite nel mondo del web come nel mondo reale

Afghanistan, il Premio letterario organizzato nell’ambasciata di Roma

L’ambasciatore della Repubblica islamica d’Afghanistan a Roma, Khaled Ahmad Zekriya su “Afghanistan ieri, oggi e soprattutto domani”

Il ponte ci può rendere player competitivi nel Mediterraneo

La rigenerazione urbana sostenibile nell’Area Metropolitana dello Stretto: le città, il ponte e i porti nel Mediterraneo che verrà

La Fondazione Magna Grecia a Scilla per un Sud “Green & Blue”

Il video servizio di Adnkronos su SUDeFUTURI 2023 con le interviste a Nino Foti, Paola Bottero e Alessandro Russo